Lista di nozze: must have

Lista di nozze: must have

  • Pubblicato il: 1 febbraio 2012

Ricevere è un’arte che una giovane donna che sta per mettere su casa dovrebbe conoscere. Tornati dal viaggio di nozze parenti e amici vorranno a turno visitare la casa dei novelli sposi. Una cenetta informale, un tè, un caffè, un aperitivo in prima serata, tante saranno le occasioni per esibire il nuovo corredo.

Gli essenziali

  • Pirofile “dal forno alla tavola”
  • Utensili per cucinare
  • Set di posate di acciaio per tutti i giorni
  • Servizio di piatti per tutti i giorni
  • Set di pentole di acciaio inox
  • Set di coltelli da cucina
  • Un set di tovagliette all’americana o una tovaglia completa di dodici tovaglioli, in tono con lo stile e i colori del vostro arredamento.

Oltre a questi oggetti fondamentali, dei quali non si può proprio fare a meno, di cosa necessiterà una giovane coppia per ospitare con stile? Considerando che le esigenze degli sposi moderni sono cambiate, e che molti arrivano al matrimonio dopo una convivenza, la lista di nozze può essere un’opportunità per ricevere in dono qualche oggetto che dia pregio al corredo basico. Non esitate quindi a mettere in lista oggetti di valore, gli invitati potranno sempre accordarsi dividendo la spesa. Le cose di qualità sono un investimento che dura nel tempo, troppe chincaglierie occupano spazio negli armadi e spesso non sono neanche utilizzate.

La lista dei desideri dei futuri sposi dovrebbe comprendere:

1.   Un set di posate in argento. Alcuni hanno la fortuna di avere servizi di posate e piatti di famiglia che passano di generazione in generazione, altri potranno approfittare della lista di nozze per farsene regalare uno. Le posate d’argento donano un accento aristocratico alle tavole delle feste e danno un tocco chic anche nelle occasioni più informali.

2.   Una tovaglia bianca di lino o fiandra con ricami ton sur ton sarà un passe-partout per tutte le occasioni.

3.   Un servizio per dodici persone di bicchieri in cristallo. Che includa dodici calici per l’acqua, dodici per il vino e dodici flûte da sfoderare alla prima occasione di festa. Non c’è niente che dia più enfasi a un brindisi del tintinnio dei calici di cristallo.

4.   Un servizio di piatti per dodici persone in fine porcellana, di manifattura francese, tedesca o Bone China inglese. Molti credono che la porcellana sia da usare solo in occasioni speciali, perché fragile, ma non è così. La porcellana di buona qualità è ottenuta da un impasto duro e piuttosto resistente. La sua “delicatezza” è da riferirsi ai preziosi decori fatti a mano, questo il motivo per cui non può essere lavata in lavastoviglie.

5.   Un servizio in porcellana da caffè e da tè, possibilmente abbinato a quello dei piatti. Ospitare le amiche per il tè delle cinque, un pasticcino e due chiacchiere non è mai stato tanto in auge. Un’occasione informale per incontrarsi senza cucinare nulla o quasi. A fare la differenza sarà il vostro impeccabile servizio di porcellana, apparecchiato su di un elegante vassoio in argento o su un apposito tavolino da caffè. Ricordate che il caffè si serve direttamente in tazzina o travasato nella caffettiera. Usate tazzine tutte uguali o volutamente scompagnate, con un mix di porcellane d’epoca, per un effetto vintage ma studiatissimo. D’obbligo i piattini e i cucchiaini da caffè (non da thè o da macedonia) e una bella zuccheriera, con zucchero di canna o aromatizzato, piccoli dettagli che daranno enfasi tutto il cerimoniale.  Un impeccabile corredo non sarà mai completo senza un tocco del vostro stile personale nella mise en place. Che sia una cena tra amici, un brunch domenicale o un romantico diner a deux, una tavola curata dimostrerà che avete a cuore i vostri ospiti e disporrà alle pietanze che seguiranno.

 

Condividi!