La showgirl Pamela Prati padrona di casa del gran finale Istituzioni, Ordini professionali e Atenei ai Forum della Famiglia

La showgirl Pamela Prati padrona di casa del gran finale Istituzioni, Ordini professionali e Atenei ai Forum della Famiglia

  • Pubblicato il: 21 gennaio 2012

Premiato il maestro Renato Balestra che fa sfilare la Miss Tutto Sposi con un suo abito

 

Napoli, 21 gennaio 2012 – Sarà la bellissima showgirl Pamela Prati a calcare, nella giornata conclusiva di domenica, la passerella della XXIII edizione di Tutto Sposi. La soubrette sarda, in qualità di padrona di casa, salirà sul white carpet al fianco di Pascal Vicedomini durante i defilée della maiosn Vanitas, white sponsor,, e dellìateliern dell’eclettico artista della moda Gianni Molaro

 

 

Intanto a Tutto Sposi è stata celebrata la serata dedicata al maestro Renato Balestra che, dopo aver presentato con una sfilata la sua collezione di alta moda sposa, ha ricevuto il premio “Napoli Art & Style award”, quale testimonianza per la sua poliedrica carriera e per aver contribuito a diffondere il nome della grande moda italiana in tutto il mondo. Il riconoscimento gli è stato consegnato dal presidente della Mostra d’Oltremare, Nando Morra e dall’organizzatore di Tutto Sposi, Lino Ferrara. Sul palco anche la vincitrice del concorso Miss Tutto Sposi, Carminia Barbato di Caserta, che ha indossato per l’occasione una creazione del maestro friulano chiudendo il defilée

 

Nel programma della giornata finale di domenica spicca l’appuntamento con i Forum della Famiglia, indetti dall’Osservatorio Familiare Italiano. Ad aprire i lavori, dedicati al tema “Le frontiere della genitorialità – i nuovi genitori”, dopo il saluto della Presidente dell’OFI, Martina Ferrara e quello di numerose personalità istituzionali, sarà il presidente onorario l’avvocato Annamaria Bernardini de Pace con l’intervento “Genitori non si nasce, si diventa”.

Tra i saluti iniziali anche gli interventi dei patrocinatori dei Forum della Famiglia: i presidenti degli Ordini degli Avvocati, Francesco Caia, e degli Psicologi, Raffaele Felaco, oltre il Rettore del Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro e il preside della Facoltà di Giurisprudenza della Parthenpe Federico Alvino.

 

I Forum della Famiglia, coordinati dall’avvocato Immacolata Troianiello, affronteranno  la norma dell’art.147 che delinea i contenuti dei doveri verso i figli, imponendo ad entrambi i coniugi di mantenere, istruire ed educare la prole.

La norma si rivolge ai coniugi nella loro funzione ulteriore rispetto al rapporto di coniuge, quella di genitori, con una formulazione che, rivolta ad entrambi, pone l’accento, oltre che sui doveri, anche sulle responsabilità. Doveri e responsabilità che sopravvivono allo stesso matrimonio, giacché si può anche non essere più sposati, ma si rimane genitori e permangono i relativi doveri e responsabilità a carico di entrambi.

La bigenitorialità rappresenta il principio cardine, definitivamente consacrato dalla L.54/2006, che, oltre ad introdurre nel nostro ordinamento il criterio dell’affidamento condiviso, ha avuto il merito di spostare l’attenzione dai genitori ai figli, ai diritti di questi ultimi che non sono più limitati al mantenimento, all’educazione ed all’istruzione, ma che si estendono alla tutela della persona ed alla garanzia della stabilità dei rapporti.

Ne consegue una ridefinizione del genitore, una nuova era, in cui la presa di coscienza della piena individualità del figlio impone a madre e padre comportamenti che rispettino ed attuino il diritto ad avere rapporti significativi con entrambi i genitori, anche quando questi ultimi non siano più legati da alcun vincolo personale tra loro.

Condividi!